Aronia: vi presento la regina degli alimenti antiossidanti

Bacche di Aronia

Non l’avete mai sentita nominare?

Io l’ho scoperta quasi per caso, perchè per mia fortuna la prima e l’unica produzione italiana biologica e biodinamica è stata avviata a soli 50 chilometri da Trieste!

L’Aronia è una pianta originaria del Nord America, dove è nota come Chokeberry, e delle lande siberiane. E’ stata introdotta in Europa, dalla Russia, ad inizio del 900, ma diffusa quasi esclusivamente in Polonia e negli altri paesi dell’Est/Sud-Est Europa.

Si presenta come un cespuglio fitto i cui frutti sono delle bacche nere.

SOSTANZE FUNZIONALI

Questa pianta viene considerata tradizionalmente un elisir di lunga vita grazie al suo altissimo contenuto di:

  • Polifenoli, Tannini e Flavonoidi ( in particolare Antociani) sono sostanze ad elevata attività antiossidante, anticancerogenica e antiaterogena (arterosclerosi e malattie correlate) e antinfiammatoria. In pratica combattono tutti quei processi di degenerazione dei tessuti dovuti all’invecchiamento e ai radicali liberi.
  • Acido Chinico, ne contiene 10 volte di più rispetto ai mirtilli, è quindi utilissimo in caso di infezioni o disturbi delle vie urinarie, che vengono “pulite” grazie alla sua capacità di mantenere bassi i livelli di acido urico nell’organismo.
  • Vitamine A, C , E, il gruppo B, K e P PP. Le prime tre sono note anch’esse per le loro proprietà  antiossidanti e agiscono in sinergia con i Flavonoidi.
  • Minerali  come ad esempio il Ferro (particolarmente importante per noi donne e per chi ha un regime alimentare vegetariano), Calcio, Magnesio, Potassio, Manganese, Zinco.

L’Aronia tra tutti i frutti e le bacche presenti sul mercato è quella con un maggior quantitativo di antiossidanti bioattivi, essa infatti ha un ORAC (Oxigen Radical Assorbence Capacity) di 16062 per 100 grammi di bacca e proprio per questo andrebbe scelta tra tutte.

ADATTA A CHI?

  • Ai bambini, per supportarli nella crescita e aiutarli a sviluppare un bagaglio di difese naturali più che utili in questa fase della vita.
  • Ai giovani e adulti, per aiutare il corpo a contrastare tutti quei processi degenerativi innescati ad esempio da stress, smog, alcool, fumo passivo, raggi UV e tanti altri che a lungo termine portano anche a gravi patologie.
  • Agli anziani, sottoposti al normale processo di invecchiamento cellulare.
  • Agli sportivi, che a causa o di un’intensa attività fisica o di una scarsa preparazione sottopongono l’organismo ad una produzione notevole di radicali liberi che distruggono i tessuti sani e sovrastano le naturali difese del nostro corpo.
  • Ai malati, che possono aver bisogno di un regime alimentare indirizzato ad aiutare l’organismo a supportare le difese immunitarie.

Unica controindicazione che devo segnalarvi è per chi soffre di gastrite o ulcera.

I dati che vi ho riportato sono ovviamente estratti da studi e pubblicazioni scientifiche. Devo però specificare di non intendere l’Aronia come una cura a malattie più o meno gravi, ma come un alimento ricco di sostanze benefiche che ci può aiutare, se introdotta nella dieta quotidiana, al mantenimento del normale stato di salute dell’organismo.