Nutraceutica: il futuro dell’alimentazione

nutraceutici limone zenzero chia miele melograno anacardi

Prevenire è meglio che curare… Una mela al giorno leva il medico di torno!

Non sto scherzando e non sono impazzita, in effetti sono luoghi comuni ma con un importante fondo di verità.

Ormai è consolidato che l’inizio della prevenzione sta proprio in ciò che mangiamo e come alimentiamo e nutriamo il nostro corpo giorno dopo giorno.

La Nutraceutica è un nuovo termine che trova origine nell’unione di due parole: “Nutrizione” e “Farmaceutica”. Da qui nasce il concetto di nutraceutici ossia sostanze contenute nei cibi e che hanno proprietà benefiche o preventive sull’organismo.

In che formulazioni potete trovarli?

Integratori alimentari, vengono sintetizzati, ne viene calibrata la giusta dose e messi in capsula;

Alimenti addizionati, cibi comuni ai quali vengono aggiunte determinate quantità di questi nutrienti speciali;

Alimenti che naturalmente ne contengono un’alta concentrazione.

Che funzioni possono avere?

Come vi dicevo possono essere azioni preventive o benefiche.

Un classico esempio possono essere bacche dai poteri anti-ossidanti come il Goji, il succo di pomodoro ricco in vitamina C e Licopene, questi prevengono l’invecchiamento e combatto i radicali liberi.

Esistono cibi naturalmente drenanti, remineralizzanti, regolano l’intestino, basificanti dell’organismo e tonici energizzanti…basta trovare quello giusto per ogni esigenza.

La mia esperienza

Personalmente sono stata subito affascinata da questo tipo di approccio alla salute, molto semplice, naturale, sano e privo di effetti collaterali per chiunque, quindi adatto sia ai più piccoli che agli anziani che non rischiano di contrastare o di interferire con terapie precedentemente prescritte.

Il mio problema ad esempio è il colesterolo geneticamente alto: dopo una cura a base di riso rosso fermentato ho cominciato ad usare l’olio di lino oltre a quello di oliva, ad aggiungere all’insalata i semi di canapa (ottimi anche in una dieta ipocalorica perché ricchi di fibre e fonte naturale di proteine) e nel muesli della colazione i semi di Chia.

Le aziende produttrici sono molte ma poche sono certificate Bio, controllano ogni singolo lotto di produzione e verificano i paesi d’origine e le colture, forse i loro prodotti costeranno un po’ di più, ma ricordiamo che in questo caso la qualità è importante ed è a discapito della vostra salute.

E il vostro problema qual è? Troppo stress, il colesterolo, fate tanto sport o vi sentite stanche?

Scrivetemi e cercherò di darvi un buon consiglio!